Maggio dei monumenti

Il progetto “La scuola adotta un monumento” nacque nel 1992 per iniziativa della Fondazione Napoli Novantanove, d’intesa con il Provveditorato agli Studi e le Soprintendenze, come educazione permanente al rispetto e alla tutela del patrimonio artistico e storico della città e, più in generale, dell’ambiente. Alle scuole veniva così riconosciuto il compito di formare le nuove generazioni di futuri cittadini nella consapevolezza di riconoscere la propria identità culturale e sociale attraverso la difesa e la conservazione di quei manufatti del passato e di quegli spazi troppo spesso abbandonati all’offesa dell’uomo e all’oblio del tempo.

Tenuto conto di ciò, ma soprattutto del fatto che nel quartiere Mercato – Pendino ogni angolo di strada, pur sepolto sotto la coltre del degrado, parla di storia e di arte, il nostro Istituto Comprensivo dall’anno scolastico 2001-2002 partecipa al progetto nell’ambito della manifestazione del Maggio dei Monumenti e per far sì che ognuno dei quattro plessi viva più consapevolmente la realtà di quella parte del quartiere in cui opera, si è deciso di adottare ben quattro “monumenti”.


Il plesso Ada Negri, sorgendo nella zona delle “case nuove”, ha puntato la sua attenzione sulla vicina Porta Nolana dato che, in Via Soprammuro, sono ancora visibili i resti delle mura della città aragonese, mura sulle quali si sono sovrapposte nel tempo abitazioni e negozi.

 

Chiesa di Santa Croce e Purgatorio al Mercato

  L’Umberto I ha scelto invece di occuparsi della Chiesa di S.Croce al Mercato sorta come cappella commemorativa di Corradino di Svevia nel lontano 1351.

Sant’ Eligio ha adottato il Chiostro di S. Eligio nel complesso monumentale di S. Eligio.

 

File:Interno Mare.jpg  La bellissima Chiesa di S.Giovanni a Mare la cui struttura originaria risale all’ XI sec. è stata adottata, infine, dalla Scuola Secondaria di 1° grado Corradino di Svevia.